eBook Gratuiti

Scarica gratis i libri dei grandi motivatori internazionali

(Clicca sulle immagini dei titoli qui sotto e condividi questa pagina con le persone che pensi possano essere interessate www.ebookgratuiti.it)



Leggi degli estratti dagli eBook dei principali motivatori internazionali


Clicca sugli autori per leggere i relativi estratti.

Doreen Virtue

Louise Hay

Derren Brown

Sonia Choquette

Giuseppe Cocca

Nancy Levin

Esther Hicks

Inna Segal

Doreen Virtue

Come riconoscere un vero angelo (tratto da L'Angelo della Creatività)

Gli angeli parlano solo dell’aiuto che puoi dare agli altri, utilizzando i tuoi interessi e talenti naturali. Se hai un’idea, ma non riesci a capire se è divinamente ispirata, chiedi a Dio di mandarti un segno evidente. Sappi che gli angeli di Dio sono del tutto innocui, amorevoli, gentili e affidabili. Se hai poca familiarità con gli angeli, ecco alcune informazioni generali:

  • gli angeli rispettano le tue libere scelte e intervengono se sei tu a chiederlo tramite il pensiero, la preghiera, le affermazioni, la scrittura, il canto, le visualizzazioni o in qualsiasi altro modo;
  • gli angeli sono messaggeri di Dio ed estensioni del Creatore. Puoi parlare direttamente con loro e con Dio;
  • gli angeli sono doni, protettori, guide, compagni inviati da Dio;
  • gli angeli aiutano tutti coloro che lo chiedono, a prescindere dal credo e dalle ideologie. Offrono amore incondizionato, perdonano completamente e si astengono da qualsiasi giudizio;
  • gli angeli sono diversi dalle persone care defunte, che possono agire come gli angeli ma che hanno ancora un ego umano. I veri angeli sono privi di ego, sono luce, amore e Intelligenza Divina;
  • gli angeli custodi sono sempre accanto a noi, ci proteggono e ci indicano la strada giusta da seguire. Calma la tua mente in modo da poter sentire i loro messaggi divini;
  • gli angeli sono pura energia divina, ma possono assumere una forma umana per aiutare e proteggere. Come dice San Paolo: “Non dimenticate l’ospitalità, perché alcuni, praticandola, hanno ospitato senza saperlo degli angeli” (Ebrei, 13:2);
  • gli angeli, essendo pura energia, sono instancabili, onnipresenti come Dio, e possono aiutare molte persone contemporaneamente;
  • gli angeli, essendo puro amore incondizionato, sono sempre sereni e compassionevoli.

Torna Su

Louise Hay

Ascolta la tua voce interiore e onora la tua saggezza per un'esistenza di profondo benessere (tratto da La Vita ti Ama)

Siamo pervasi di saggezza naturale. La nostra essenza è la conoscenza dell’universo. Ognuno di noi la percepisce a modo suo e la può chiamare come vuole: campanello interiore, maestro interiore, Dio, Spirito Santo o guida divina. La verità è dentro di noi, quella è la nostra vera voce e più siamo disposti ad ascoltarla, più facile sarà sentirla.
Liberandoci dai condizionamenti, dalle abitudini nocive e da quei nodi interiori che bloccano i nostri pensieri ed azioni, trarremo grande beneficio. Riconnetterci con il nostro sé più autentico ci permetterà di ascoltare la nostra voce interiore, la nostra verità di amore e felicità.
Louise Hay dà molto importanza al suo campanello interiore. Ci racconta come all'inizio sia stato molto difficile sentirlo e come la meditazione, praticata quotidianamente, l'ha aiutata ad ascoltare quello che accadeva dentro di lei.
Quando smetti di seguire la tua voce interiore, ti allontani da te stesso. Dimentichi chi sei e non hai modo di capire che cosa vuoi veramente. Come chiunque altro, tu cerchi la felicità, insegui il successo e desideri l’amore, ma avendo perso la bussola interiore, finisci per cercare nei posti sbagliati.

Torna Su

Sonia Choquette

Cambiare... in meglio (tratto da Tune In)

La maggior parte di noi resta intrappolata in questo stato di inconsapevolezza spirituale prima o poi, a seconda del grado generale di sviluppo dell’anima. Ma, indipendentemente dal punto del cammino verso una vita piena di significato in cui la nostra anima si trova, questo stato di torpore in genere finisce all’improvviso. Spesso una qualche crisi del tutto inaspettata o molto sconvolgente, come un incidente, una malattia, la perdita di un nostro caro o la sensazione di essere rifiutati da qualcuno che amiamo, ci costringe a svegliarci, per raggiungere un’autoconsapevolezza più profonda. Il nostro stato di incoscienza o soddisfazione può terminare in maniera imprevista anche dopo aver perso il lavoro, concluso l’università, posto fine a un matrimonio o a una relazione duratura, cominciato una nuova storia (fine della vita da single) o avuto un bambino (fine della vita senza figli). Al di là dell’evento o della circostanza concreta che ci ha spinto a renderci conto del fatto che la nostra vita non funziona o deve cambiare, questi “incidenti” ci costringono a guardarci dentro e a scrutare più in profondità di quanto sia nostra abitudine fare per ricevere sostegno, rassicurazione, solidità e un nuovo obiettivo.

Torna Su

Nancy Levin

Togliti il mantello (tratto da Jump)

Se sei come me, sarà difficile interrompere l’abitudine di occuparti di chiunque altro tranne che di te. Nel mio caso, la mia nuova identità dopo il divorzio mi permise di non essere più definita sulla base delle mie conquiste eroiche. Che sollievo disfarmi dell’immagine di perfezione che avevo proiettato nel mondo! Mi tolsi il mantello da Superdonna e finalmente mi liberai dal personaggio che avevo creato per ottenere conferme. Forse anche tu stai svolazzando qua e là, in cerca d’amore. Qualsiasi intenzione si nasconda sotto il tuo bisogno, sappi che non sei solo. Comincia lentamente. Prima, prova solo a infilare il tuo mantello da supereroe sotto la maglia per un giorno o due. Non devi toglierlo subito! Il tuo ego farà di tutto per fartelo rimettere (al diavolo i confini!). Continua solo a ricordarti che sei pronto a salvare te stesso, invece di tutti gli altri. E se sei come me, un giorno ti scorderai del tutto il mantello. Farai pulizia nell’armadio e lo ritroverai là dietro, tra il parka invernale e l’impermeabile. E sorriderai. Ricorderai il brivido di essere un supereroe, ma non avrai più bisogno di quell’identità. A un certo punto del cammino, grazie a qualche miracolo, sarai diventato capace di sentirti a tuo agio essendo proprio chi sei, con tutti i tuoi pregi e i tuoi difetti.

Torna Su

Inna Segal

La scoperta della mia capacità di guarire (tratto da Il Linguaggio Segreto del Corpo)

Improvvisamente avevo la sensazione che il mio corpo fosse dotato di un’incredibile capacità di guarire. Prima dell’autoguarigione, però, dovevo scoprire lo scopo del mio dolore. Qualcosa ovviamente non andava, e il mio corpo stava cercando di mandarmi un messaggio.
Anche se stavo ancora soffrendo, ora sentivo di avere un obiettivo. Non sapevo esattamente come iniziare a guarirmi, ma ero consapevole che un essere umano funziona su diversi livelli: mentale, emotivo, fisico, spirituale, energetico e altri ancora. Stabilii di esplorare tutti gli aspetti che potevo. Per prima cosa, decisi che dovevo sentirmi meglio. Ero aperta sia all’eventualità di migliorare solo un po’ sia di rimettermi completamente. In un modo o nell’altro, sentivo sarebbe stato meglio che focalizzarmi sulla malattia.
Poi pensai che se volevo ricevere informazioni dal mio corpo, dovevo entrare in contatto con le mie emozioni. Iniziai a concentrarmi sul respiro. Mi diedi il permesso di sentire le mie emozioni e di ricevere saggezza da loro, invece di fare resistenza e respingerle. Mi resi conto che, per guarire, dovevo “sentire”. Mi capitò anche di appoggiare le mani sulla schiena. Allora lo facevo per dare un po’ di sostegno al mio corpo. Più tardi realizzai che, toccandomi, concentravo la mente e l’energia sulla guarigione di quell’area. In altre parole, la volontà di guarire che aveva origine nel mio cervello si muoveva ora attraverso la spina dorsale e il sistema nervoso fin nella zona lombare.
Iniziai a percepire che il mio corpo, alla fine, stava collaborando: lo sentivo sciogliersi e rilassarsi. Il “blocco” cui il chiropratico aveva accennato iniziava a dissolversi. Ma anche se iniziavo a stare meglio, si insinuavano ancora alcuni dubbi. Pensieri fastidiosi come: “Non funzionerà, non stare a darti pena”, oppure: “Finora niente ha funzionato, cosa ti fa pensare che questo lo farà?”. Pensai che la cosa migliore da fare in quei momenti era concentrare la mente e tenerla occupata contando al contrario partendo da trenta.
Questo mi calmava i pensieri, e mi resi conto che non dovevo far accadere la guarigione, ma piuttosto permetterle di fluire. Avevo sentito parlare di Intelligenza Divina, però non ero riuscita a capirne il significato fino in fondo. Sapevo che il mio corpo era intelligente, perché era capace di far scorrere il sangue, far crescere i capelli e far battere il cuore senza che io facessi nulla consapevolmente. Decisi che, se una cosa come un’Intelligenza Guaritrice Divina esisteva davvero, allora volevo che mi aiutasse. In pochi attimi, sentii una connessione con un’incredibile energia di guarigione. Era come se un caldo sole scintillante stesse sciogliendo ogni rigidità e dolore nella mia schiena. Quando rivolsi l’attenzione alla mia colonna vertebrale, vidi l’immagine di una schiena deforme. Molte vertebre sembravano fuori posto e infiammate. Scioccata, pensai: “Non mi piace questo sogno.” Poi capii. Non stavo sognando: stavo guardando un’immagine della mia schiena.
Dopo lo shock iniziale, incominciai a domandarmi come avesse potuto ridursi in quelle condizioni. Allora formulai la domanda: “Quali sono i pensieri, le emozioni e le esperienze che hanno contribuito a creare questa condizione?” e rimasi in attesa, facendo respiri lenti e profondi. Quasi istantaneamente, cominciarono ad affiorare intense emozioni di paura, frustrazione, rabbia, colpa e vergogna. Continuai a respirare e a lasciarle fluire, anche quando diventavano estremamente intense. Mi diedi il permesso di provarne l’intensità, ripetendo a me stessa: “Sono decisa a lasciare andare questi sentimenti.”
Ondate di emozioni si muovevano attraverso il mio organismo. Appena le liberai, provai un senso di quiete e un collegamento con un’incredibile energia guaritrice, e ricevetti un’illuminazione o un ricordo legato a ciascuna di esse. Più le lasciavo libere, più Amore Spirituale Divino percepivo. Con l’occhio della mente vedevo un’energia densa uscire dal mio corpo come sbuffi di fumo. Poi caddi in un sonno profondo e riposante. Il mattino seguente, il dolore era quasi del tutto scomparso. Ero elettrizzata. Decisi di sperimentare questa tecnica di guarigione il più possibile. Nel giro di tre settimane la sofferenza fisica era completamente sparita. In occasione di un controllo sei mesi più tardi, il mio chiropratico mi disse meravigliato: “Qualunque cosa tu stia facendo, continua, perché funziona.” Una volta libera dal mal di schiena, lavorai con successo alla guarigione della mia pelle, dei problemi digestivi e dell’ansia.

Torna Su

Doreen Virtue

Gli effetti positivi dell’invocazione di Atena (tratto da Arcangeli e Maestri)

Atena ha origini antiche e multiculturali, ma è nota soprattutto come figura della mitologia greca, dea guerriera della saggezza, delle questioni domestiche, delle arti e dell’artigianato.
Atena è figlia di Zeus e il tempio a lei dedicato era il Partenone. Le leggende che la riguardano parlano del suo coraggio e della sua saggezza intuitiva durante le battaglie. Nelle rappresentazioni artistiche, di solito, è raffigurata con un’armatura sul busto, uno scudo e una spada e spesso è accompagnata da una civetta. Questo volatile le è stato associato forse per via della sua saggezza.
Quando porta il titolo aggiuntivo di “Pallade”, Atena incarna la dea guerriera che protegge e che ispira le donne a esprimere la loro forza interiore, la propria energia e ad avere la risolutezza di farsi valere. Incoraggia tutti gli esseri umani a usare la propria saggezza intuitiva per risolvere le controversie e per raggiungere la felicità, invece di covare rabbia o di ricorrere alla violenza. Nelle dottrine New Age, Pallade Atena è considerata un maestro illuminato del quinto raggio di luce, che pertiene alla veridicità e all’integrità.
Quando ho invocato Atena, ho visto una bellissima donna in piedi alla guida di un carro monoposto che indossava delle polsiere metalliche e un elmo dello stesso materiale. Aveva un’energia molto intensa e ansimava, come se avesse appena portato a termine un compito impegnativo. Nessun lavoro è troppo impegnativo per me, ha detto all’improvviso. Sono maestra nel distribuire gli incarichi e porto a termine ogni lavoro che mi si presenta. Spesso delego agli esseri stellari.

Torna Su

Derren Brown

Come riconoscere le bugie e i segnali involontari (tratto da Ipnosi e Suggestionabilità)

Poligrafi a parte, le tecniche che ci restano per identificare le bugie corrispondono alle prime due: linguaggio non verbale e verbale. In altre parole, il linguaggio del corpo e il modo in cui parliamo. Daremo un’occhiata a entrambi qui. All’interno di queste due aree, è importante ricordare che ci sono tre processi che una persona potrebbe sperimentare quando mente. Conoscerli ti aiuterà a cercarne i segnali sia attraverso le parole che attraverso la comunicazione non verbale, dunque il comportamento della persona.
I tre processi da tenere a mente sono: Processo Emotivo, Processo di Soddisfazione e Processo di Controllo.
I Processi Emotivi si riferiscono alle emozioni che possono trasparire durante l’inganno. Le emozioni più comuni sperimentate da chi mente sono il senso di colpa, la paura e l’eccitazione. Posso sentirmi in colpa perché sto mentendo; posso avere paura delle conseguenze della mia bugia se, per esempio, la posta in gioco è alta; potrei eccitarmi per aver mentito, specialmente se ci sono altre persone a conoscenza della verità che possano godere della mia audace menzogna. Quest’ultima emozione viene chiamata “piacere di imbrogliare”.
I Processi di Soddisfazione da Complessità derivano dal fatto che mentire può essere un compito piuttosto impegnativo a livello cognitivo: per esempio, è sempre più difficile mentire in modo convincente quando si viene interrogati più e più volte sull’argomento in questione. Allo stesso modo, se veniamo colti alla sprovvista, è ancora più difficile mentire. Il risultato è che devi tenere accesa la mente, pensare rapidamente o più del solito, e ciò potrebbe trapelare dal tuo comportamento.
I Processi di Controllo sono quelli che svolgiamo per nascondere le tracce che pensiamo potrebbero smascherare la nostra bugia. In altre parole, cerchiamo di comportarci normalmente, e ciò di solito comporta atteggiamenti innaturali o incongruenti che possono essere individuati. Ritengo che la chiave per la lettura del linguaggio non verbale sia comprendere che stai cercando cambiamenti cruciali, non semplici, specifici “segnali rivelatori” che significano cose specifiche. Quindi, per essere capace di leggere con efficacia una persona, o per individuare una bugia, prima di tutto devi stabilire quale sia il suo atteggiamento “normale”, per poter valutarne qualsiasi deviazione.

Torna Su

Giuseppe Cocca

Monofrutto di benvenuto (tratto da Succhi e Salute)

I step
Prima di provare smoothie e succhi con ingredienti più compositi, ti proponiamo di iniziare le tue sperimentazioni con semplici bevande a base di un solo frutto. Ogni frutto è infatti un prezioso scrigno, ricco di principi nutritivi e di un sapore unico, che merita di essere conosciuto a fondo. Ricorda di assaporare il primo sorso di ogni preparato un po’ più a lungo per darti il tempo di capire ciò che stai bevendo.
Una volta presa la sana consuetudine di inserire nella tua dieta un succo fresco non pastorizzato, senza aggiunta di zuccheri o altri edulcoranti, scoprirai che ti sarà difficile farne a meno, sentendoti pieno di vitalità e buon umore.

Esempio: Lunedì
FRULLATO AI CACHI
• Cachi + acqua o latte di mandorle q.b. per raggiungere la consistenza desiderata + un pizzico di vaniglia
Oppure:
SUCCO DI KIWI
• Kiwi + un pezzettino di zenzero fresco
Prosegui la settimana sostituendo i cachi e i kiwi con altra frutta di stagione, diversificandola giorno per giorno fino ad arrivare alla domenica.

Torna Su

Esther Hicks

Sai combinare i tuoi nuovi desideri con le vibrazioni giuste? (tratto da Chiedi e Ti Sarà Dato)

Quindi, la tua parte Non Fisica riceve la richiesta, è pienamente consapevole del tuo razzo del desiderio, e rivolge tutta la sua attenzione verso il desiderio che tu hai appena generato. In altri termini, il tuo Essere Interiore istantaneamente si trasforma assumendo una vibrazione all’unisono con il nuovo desiderio, e perciò riceve subito il beneficio del lancio all’Avanguardia del tuo desiderio all’Avanguardia. Tuttavia, tu, in base alla prospettiva fisica in cui vivi, di solito non sei in perfetto accordo vibrazionale con il nuovo desiderio, poiché esso sorge dal contrasto e quindi dentro di te porti ancora una combinazione di vibrazioni diverse relative a questo stesso desiderio. Nel momento in cui è stato lanciato il nuovo desiderio o la nuova preferenza, si è immediatamente verificata una discrepanza vibrazionale tra il tuo Essere Interiore o Fonte (che si allinea subito al nuovo desiderio) e la tua personale prospettiva fisica (che contiene ancora una combinazione di vibrazioni diverse). Ora il tuo compito consiste nell’attivare solo quegli aspetti insiti nella tua vibrazione che si accordano con il nuovo desiderio. Ed è qui che entra in gioco il tuo Sistema di Guida Emotivo, perché le emozioni indicano se sei vibrazionalmente allineato o discordante. Per esempio, stai avendo una conversazione con qualcuno che è molto impegnato e non ha veramente voglia di stare a discutere con te. Tale persona si rivolge a te in modo brusco, persino scortese. Questa circostanza fa sì che da te parta una preferenza. E anche se non sai come esprimerlo a parole, anche se non ne sei consapevole, resta il fatto che preferiresti essere trattato con maggior rispetto. E così, una preferenza nuovamente definita ora irradia da te, e il tuo Essere Interiore si allinea subito all’idea di essere trattato con più rispetto. Tu, però, non hai ancora raggiunto tale allineamento. Stai ancora rievocando l’atteggiamento di quella persona, le sue parole e azioni scortesi. Le tue vibrazioni sono un miscuglio di come vuoi essere trattato e come sei appena stato trattato. Non sei in accordo con il nuovo desiderio, ma il tuo Essere Interiore lo è. Se sei sensibile a ciò che senti, puoi percepire la discordanza tra la vibrazione del tuo Essere Interiore e la tua vibrazione nel qui e ora. Infatti, questo è ciò che indicano sempre le tue emozioni:

  • Un’emozione che fa sentire bene indica l’allineamento vibrazionale tra la prospettiva del tuo Essere Interiore e te stesso.
  • Un’emozione che fa stare male indica che non c’è allineamento vibrazionale tra il tuo Essere Interiore e te stesso.

Un altro esempio: scorrendo la posta, trovi parecchie richieste di pagamento di fatture, e mentre le metti da parte una sull’altra, ti rendi conto che non hai abbastanza denaro per pagare quanto devi. In quel momento, il desiderio di avere più denaro emana da te e il tuo Essere Interiore si focalizza con sicurezza e immediatezza sull’idea di avere più soldi, e trae piacere da questo pensiero. Tu, però, continui a sfogliare la pila delle bollette, affrontando la realtà di dove sei ora. “Ho più conti da pagare che denaro per farlo”, ti lamenti. Non hai trovato l’allineamento con il nuovo desiderio, e l’emozione negativa che senti (preoccupazione, rabbia, frustrazione) indica il mancato allineamento con la Fonte. Nessun desiderio, qualunque esso sia, può manifestarsi nella tua vita fintanto che persiste una differenza vibrazionale tra esso e la vibrazione che emani. Devi entrare in accordo vibrazionale con i tuoi desideri altrimenti non possono realizzarsi nella tua vita. Questa è la ragione per la quale ci riferiamo alle tue emozioni come al Sistema di Guida Emotivo, perché ti aiutano a riconoscere la relazione tra la vibrazione del tuo desiderio e quella che stai offrendo tu. Non serve prendere in considerazione nessun altro fattore per il raggiungimento di ciò che vuoi. Quello che pensano gli altri, il loro vissuto, il loro presente, il tuo passato, persino quello che stai vivendo ora, niente di tutto questo ha minimamente a che fare con la tua capacità di raggiungere l’oggetto del desiderio. Conta solo la relatività vibrazionale tra il tuo desiderio e te stesso.

Torna Su


Home | TV | Store | Eventi | Blog | Contatti | Affiliazione | Omaggi | Chi Siamo | Newsletter facebook twitter youtube

logo mylife


Copyright My Life
My Life srl P.iva 03685340402 - Via Garibaldi 77 47853 Coriano (RN) - Tel: 0541 341038 - Fax: 0541 1642116 - segreteria@mylife.it